Nuove prove richiede l’assoluzione del condannato ‘Torso assassino’

Nuove prove richiede l’assoluzione del condannato ‘Torso assassino’

NEW BLOOMFIELD, Pa. (AP) _ Le prove del DNA hanno aiutato a scagionare un ex capo Boy Scout condannato nel 1984 per lo smembramento di una donna il cui torso senza testa è stato trovato su una riva del fiume.

“Non ho mai dubitato per un momento che sarebbe successo”, ha detto Donald Ruby venerdì, un giorno dopo essere stato assolto nel suo secondo processo. “La domanda era, quando?”

Ha trascorso sei anni in prigione dopo la sua condanna del 1987 nell’uccisione di Edna M. Posey.

Ruby era tutore legale del figlio adolescente di Posey. Al primo processo, i pubblici ministeri hanno affermato che era un pedofilo che ha ucciso la donna per impedirle di reclamare la custodia del ragazzo.

PUBBLICITÀ

Giurati nel nuovo processo hanno concluso l ” ex avvocato di Ruby era inefficace perché non è riuscito a opporsi alla prova pedofilo, che è stato dichiarato inammissibile al secondo processo.

Sono state anche mostrate prove del DNA, non disponibili nel 1987, che hanno dimostrato che lo sperma trovato nel cadavere non era di Ruby.

Ruby, 48 anni, testimoniò di non aver mai visto Posey dopo il 26 maggio 1984. Il suo torso senza testa e senza arti è stato trovato il giorno dopo accanto al fiume Juniata nel centro-sud della Pennsylvania. Non sono state trovate armi del delitto o testimoni dell’omicidio.

Ruby ha detto di aver assunto la tutela legale del figlio di Posey quando Posey era sottoposto a cure psichiatriche. Ruby era l’ex capo delle truppe Boy Scout del ragazzo.

Venerdì, ha detto di avere “circa 5 5 in tasca in questo momento”, ma non aveva intenzione di chiedere un risarcimento per la condanna ingiusta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.